Cosmos, Bind 5

Forsideomslag
Guido Cora, 1878
0 Anmeldelser
Anmeldelserne verificeres ikke af Google, men Google tjekker indholdet og fjerner det, hvis det er falsk.
 

Hvad folk siger - Skriv en anmeldelse

Vi har ikke fundet nogen anmeldelser de normale steder.

Indhold

Andre udgaver - Se alle

Almindelige termer og sætninger

Populære passager

Side 72 - Rapport sur les travaux de la Société de géographie et sur les progrès des sciences géographiques pendant l'année 1880.
Side 72 - Vom indischen Ocean bis zum Goldlande. Reisebeobachtungen und Erlebnisse in vier Welttheilen (1 voi. in-8° di VI-454 pp. Berlin, Th. Grieben, 1877). Con 3 fig. 7 M. 50 Pf. Forma il voi. 16 della « Bibliothek fiir Wissenschaft und Literatur».
Side 26 - forto dell'amicizia di tanti animi generosi, se non mi viene meno l'entusiasmo che è tanta parte del successo, saprò adattarmi alle circostanze del momento; nel viaggio che volge al suo fine ho contratta una esperienza tale, che ho la superbia di dire che non la cambierei, con quella posseduta da uomini vecchi dell'Africa. Che vuoi? Sono tanto convinto ora che le spedizioni fatte con grandi mezzi e sopra una grande scala ; le spedizioni dalle casse lucenti e dalle tende seriche non potranno mai...
Side 22 - ... più si poteva fare, diciamo a te ed al paese, che a poche ore da Affilo, a cinque soli giorni da Kaffa abbiamo dovuto retrocedere: ed eccone i motivi. Nella nostra prima lettera portante la data di Fadasi, ti descrivemmo per sommi tratti le gravi difficoltà che ci avrebbero opposto gli Aman-Niger, e ti esponemmo brevemente con quali mezzi avremmo cercato combatterli. Ti ricorderai che dicemmo di aprire trattative amichevoli coi capi, e di preparare una forte carovana per vincerli con le armi,...
Side 22 - ... e quando fummo accampati sulla sponda sinistra del fiume, aprimmo trattative per chiedere agli altri Aman un passaggio sicuro. Sino ad ora non fu possibile alcun accomodamento , e prevediamo che dovremo batterci con una o due tribù per aprirci una via che ci conduca nel cuore del paese dei Galla. Sarebbe poco male tentare una lotta, che. se ci fosse sfavorevole, circonderebbe di gloriosa pietà la nostra tomba, ma temiamo che all'ora dell'attacco gli uomini della nostra carovana...
Side 22 - Solo con la coscienza tranquilla di avere fatto tutto il nostro dovere, sicuri di aver ripiegato la bandiera soltanto quando nulla più si poteva fare, diciamo a te ed al paese, che a poche ore da Affilo, a cinque soli giorni da Kaffa abbiamo dovuto retrocedere: ed eccone i motivi. Nella nostra prima lettera portante la data di Fadasi, ti descrivemmo per sommi tratti le gravi difficoltà che ci avrebbero opposto gli Aman-Niger, e ti esponemmo brevemente con quali mezzi avremmo cercato combatterli.
Side 24 - Se avessimo avuto uomini, avremmo fatto la guerra più volentieri a Fadasi che agli Aman. Dopo le parole dello Scek che cosa dovevamo fare? Volevamo resistere ancora all'avversa fortuna ; ma come fare? Dei nostri due servi, uno solo avrebbe potuto battersi lungo la via; e il bagaglio? Il ciclo sembrava si associasse al nostro lutto; il Karif.
Side 25 - ... vivo, che ho passato il mare ed il deserto, e mi trovo nel basso Egitto ricevuto dai nostri Italiani, dai consoli e dalle autorità egiziane, non come un vinto, ma come un vincitore. È lusinghiera, ti dirò, seducente questa accoglienza, ma siccome non meritata, mi sembra sia un gentile rimprovero, oppure (e sarà così) un vivo profondo incoraggiamento, perché non abbandoni la breccia nel momento della sfiducia.
Side 23 - Non ci dispiacque la cattiva riuscita della prima idea, perché ci risparmiava molto bagaglio, e poi ci poneva nell'animo un vivo desiderio di cimentarci con questi uomini terrore del paese, dato che avessimo potuto disporre di una forte carovana. Da quel dì ci dominava una sola idea; preparare presto quanto necessitava agli uomini per metterli in grado di partire immediatamente: lo Scek del paese, al quale avevamo presentato ricchi donativi, doveva fornirci ogni cosa: noi vivevamo nella più completa...
Side 25 - Se ha da deplorare qualche cosa contro i miei buoni amici, come te, Camperio, e molti della Società Geografica, è che avevate troppe buone speranze della nostra impresa, che per i vostri aiuti ebbe inizii vitalissimi, per le nostre mani un doloroso insuccesso. Mi consolo che tu sei un bravissimo soldato e che sai che le battaglie si ponno vincere o perdere, come le imprese geografiche ponno riuscire o no, senza responsabilità di chi le conduce e di chi le segue. Una stretta di mano dal Tuo A BARATIERI...

Bibliografiske oplysninger